Protocollo HTTPS: come rendere sicuro il tuo Sito Web

Proteggi il tuo sito usando il protocollo HTTPS.

Che cosa sono HTTPS, SSL e TLS?
Potresti non saperlo, ma quando navighi in un sito che non dispone di HTTPS, i dati scambiati sono chiari, il che significa che chiunque può leggerli, analizzarli e trasmetterli. Anche se il rischio è piuttosto basso, non è zero. E francamente, a chi piace essere osservato. Improvvisamente, è la tua libertà e quella dei tuoi visitatori ad essere influenzata.

In pratica, soggetti malintenzionati potrebbero ipoteticamente registrare ciò che hai fatto su questo o quel sito. Ma soprattutto, possono sicuramente recuperare le informazioni personali dei visitatori del sito (e-mail, password, nome, indirizzo, coordinate bancarie e così via) rendendoli così più diffidenti ad effettuare nuovi collegamenti verso il tuo sito.

Per combattere tutto ciò, è stato messo in atto  il protocollo HTTPS . Grazie a tale novità annunciata da Google nel 2014, i dati che scambierai con un sito saranno crittografati.

Ma vediamo analiticamente di che si tratta.

HTTPS (Hypertext Transfer Protocol over Secure Socket Layer o Secure Hypertext Transfer Protocol) è un protocollo di comunicazione Internet che protegge l’integrità e la riservatezza dei dati durante il trasferimento di informazioni tra il computer dell’utente e il sito. Gli utenti di Internet si aspettano un’esperienza online sicura e riservata quando visitano un sito web. Pertanto, Google ha invitato i gestori dei siti (webmaster, aziende, privati possessori di un Blog) ad adottare il protocollo HTTPS per consentire agli utenti di visitare il tuo proprio Web in modo sicuro, indipendentemente dal suo contenuto.

I dati inviati utilizzando il protocollo HTTPS sono protetti utilizzando il protocollo TLS (Transport Layer Security), che offre tre livelli chiave di protezione:

Crittografia: implica la crittografia dei dati scambiati per proteggerli dalle intercettazioni illegali. Ciò significa che quando un utente naviga su un sito Web, nessuno può “ascoltare” le sue conversazioni, seguire le sue attività su varie pagine o rubare le sue informazioni.
Integrità dei dati: le informazioni non possono essere alterate o danneggiate durante il trasferimento, sia deliberatamente che in altro modo, senza essere rilevate.
Autenticazione: dimostra che le persone stanno comunicando con il sito web giusto (sarai sicuro di vedere il sito originale e non una versione modificata da qualcuno che ha intercettato la connessione. Sì, molte cose sono possibili in informatica!).

D’altra parte, HTTPS non ti renderà anonimo. È sempre possibile sapere chi sei (tramite il tuo indirizzo IP) e sapere quali siti hai visitato.
Per riassumere, possiamo solo sapere che sei andato su un particolare Sito in HTTPS ma non quello che hai fatto lì.

Questo metodo protegge contro gli attacchi intercettori e ha istituito un trust per l’utente con conseguente più vantaggi per l’azienda.

Come funziona HTTPS?

Per illustrare come funziona il protocollo HTTPS, torniamo rapidamente al protocollo HTTP . Qui è abbastanza semplice, hai due “protagonisti”: il browser web (tu) e il server in cui è ospitato il sito da visualizzare. Non appena inserisci un indirizzo nel tuo browser, lo stesso invia una richiesta HTTP per richiedere la pagina. Il server la restituisce e il browser la visualizza. Abbastanza facile, no?

Per l’HTTPS, altri elementi entrano in scena noi ricorderemo il principale: l’autorità di certificazione.

Questo tipo di organizzazione, nota anche come terza parte fidata, rilascia un certificato SSL / TLS in modo che i creatori del sito possano implementare HTTPS. Ci sono molteplici tipi di autorità di certificazione, ma le più conosciute sono Comodo GlobalSign.

Un certificato può crittografare la connessione e verificare l’identità del sito (sono ben collegato al sito che voglio visitare?).

Parliamo rapidamente di due nuovi acronimi menzionati in precedenza: SSL e TLS

Possiamo dire che SSL e TLS sono una sorta di sovrapposizione che garantirà una connessione HTTP standard. Un po’ come la guaina può, una volta applicata,  proteggere un cavo di alimentazione.

SSL (Secure Socket Layer) è stata la prima versione di questo Protocollo ed è stata seguita dal Protocollo TLS (Transport Layer Security) che garantisce una maggiore sicurezza.

Se sei interessato, troverai una spiegazione più completa su Wikipedia .

E’ necessario accertarsi preventivamente di utilizzare fornitori efficaci per questo servizio

Devi ottenere un certificato di sicurezza nell’attivazione di HTTPS per il sito. Il certificato viene emesso da un’autorità di certificazione (CA), che adotta misure per verificare che il tuo indirizzo web appartenga effettivamente alla tua organizzazione, proteggendo così i tuoi clienti da attacchi man-in-the-middle.

 

 

Se il tuo sito è già online da diverso tempo, la migrazione sarà più delicata quindi fai attenzione se decidi di iniziare.Ti consigliamo di affidare la cura di questa operazione a persone qualificate per evitare che il tuo Sito Web possano verificarsi (durante la fase di passaggio) spiacevoli inconvenienti di posizionamento.

Se lo ritieno opportuno puoi contattarci per chiederci di intervenire ad effettuare per tuo conto questo intervento, utilizzando il modulo contatti quì.

wpeservice

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *